Torna al News Wall

Erice vicinissima al cielo, vicinissima ai sogni

Erice è un antico borgo medievale posto a 751 metri di altezza dall’omonimo monte. Appena arrivati la sensazione inspiegabile è quella di non trovarsi più sulla terra ma come se librassimo nel cielo. Erice vicinissima al cielo, vicinissima ai sogni, è un luogo in cui le nuvole sono così vicine che sembra di poterle toccare. La vista è mozzafiato da ogni sua prospettiva, da una parte il golfo di Trapani e le isole Egadi, dall’altra parte la vallata di Valderice. Quando il cielo è particolarmente limpido potrete scorgere persino Mazara del Vallo e le isole di Ustica e Pantelleria all’orizzonte. Vi consigliamo di raggiungerla con la funivia per vivere l’emozione di entrare lentamente in questo luogo incantato.

Una storia antica tra leggenda e realtà.

Un’antica città fenicia e greca che si sviluppa in un dedalo di stradine di ciottoli, archi, cortili, scorci intatti e custoditi nel tempo. Uno dei suoi luoghi simbolo è il Castello di Venere, costruito sui resti di un tempio dedicato al culto della dea Venere. Anticamente nel tempio i Fenici adorarono Astarte, i Greci Afrodite e i Romani Venere. Da qui si diffuse in tutto il Mediterraneo il culto di Venere ericina. Un luogo così vicino al cielo non può che diventare un luogo di sogni e amore. 

I testi che citano Erice sono molto antichi e affondano le radici nell’antica Grecia. Tucidide sosteneva che venne fondata dagli esuli troiani, insediati sulla cima della montagna, antenati del  leggendario popolo degli Elimi. Nell’Eneide Virgilio racconta che Enea, nel suo viaggio lontano da Troia si fermò presso Aceste, re di Erice e che sul promontorio di Pizzolungo avrebbe seppellito il padre Anchise per tornare un anno dopo nello stesso luogo e organizzare i Ludi, una giostra sportiva in memoria del padre. Erice è scenario di altri miti, a testimonianza che è sempre stato un luogo magico e suggestivo.

Erice e i suoi sapori

La tradizione culinaria trapanese è molto conosciuta e apprezzata ed Erice non è da meno. Tra le sue viuzze troverete molti ristoranti nei quali potrete gustare i piatti tipici della zona come il Cous Cous di pesce, le Busiate con pesto alla trapanese, il Cabuccio trapanese. Tra i dolci imperdibili i mustazzoli di Erice e le Genovesi di Erice farcite con crema pasticcera ma approfitatte anche delle arancine e del pane cunzato ovvero pane cotto in forno a legno e condito con olio, pomodoro, acciughe e pecorino. 

Cosa vedere a Erice

Percorrendo le sue salite e le sue discese vi consigliamo di perdervi, fermarvi, godere dei suoi preziosi scorci ma non dimenticando di visitare:

  • Duomo di Erice con la sua torre Campanaria
  • Chiesa di San Martino
  • Giardini del Balio
  • Torretta Pepoli
  • Palazzo Municipale
  •  Il Quartiere Spagnolo con il Museo degli Antichi Mestieri

Sospesi in questo borgo magico dalla storia antica e affascinante, godrete di un’atmosfera unica e di uno dei tramonti più belli di tutta la Sicilia. Questo piccolo borgo sulla montagna è circondato da pinete che lo rendono ancora più suggestivo e soprattutto tranquillo. Erice è il luogo della calma, dei silenzi, dei pensieri.

Condividi
FacebookTwitterCopy LinkPrint