Torna al News Wall

Pantelleria, la perla nera del Mediterraneo

Un’isola tra la costa siciliana e quella tunisina, a favore di tutti i venti soffiano costantemente e che hanno permesso l’approdo di popoli e usanze da tutto mondo per arricchire Pantelleria, la perla del Mediterraneo. Un vento costante e tenace che vi scompiglierà i pensieri forse ma solo per restituirveli più luccicanti e definiti di prima, un’isola selvaggia per riscoprire sensazioni primordiali e intense.

Pantelleria vi coinvolgerà immediatamente al vostro primo passo sull’isola. 

Scogli neri si stagliano su un blu che sa di cielo, di mare, di quella dimensione sognante che ricorda alcuni dipinti degli impressionisti francesi. Un blu del quale innamorarsi e nel quale immergersi, alla scoperta di fondali di stupefacente bellezza.

Pantelleria è un’isola estrema a cui non interessano le mezze misure. Devi essere predisposto ad amarla nella sua selvaggia schiettezza, amarne il vento che soffia costantemente e le ha permesso il prezioso nome Figlia del vento. Una sensualità fatta di bellezze contrastanti, di sapori forti, di vino dalla lunga persistenza in gola. Pantelleria è più di un viaggio, più di un’esperienza. Pantelleria è l’approdo dentro un sogno. E tu, quanto vuoi che duri questo sogno?

Pantelleria selvaggia e ribelle con i suoi Dammusi fiabeschi

Pantelleria è caratterizzata dal nero delle sue rocce di origine vulcanica, nonostante sia un vulcano spento ormai dal 1891 ma la sua natura di fuoco continua a forgiarne i tratti e soprattutto il tempramento. Pantelleria non è un’isola giovane, ha 500.000 anni e ce lo raccontano le sue rocce calde, scure, battute. 

La sua vegetazione ha dovuto adattarsi a questo tempramento ribelle, per questo sono stati costruiti i muretti a secco nei terrazzamenti e i giardini panteschi per proteggere gli alberi dal vento. In totale armonia con il territorio, potrete ammirare le caratteristiche abitazioni dell’isola, i Dammusi, costruiti in epoca araba, un avanguardistico esempio di architettura sostenibile per l’epoca. La loro caratteristica forma è stata ideata per permettere l’isolamento climatico e il raccogliemento dell’acqua, oltre a nutrire l’aspetto già fiabesco dell’isola.

Pantelleria e i sui intensi sapori mediterranei imperdibili

Nonostante l’asprezza del suo territorio, Pantelleria riesce ad essere generosa nei suoi frutti. Imperdibili da provare i capperi e i cucunci, unici per il loro sapore in tutto il mondo e con i quali si prepara il celebre pesto pantesco. L’insalata pantesca è preparata con ortaggi e sgombro e vi permetterà di conoscere i sapori intensi del mare e della terra panteschi.

Tra i dolci vi consigliamo il Bacio Pantesco è una frittela farcita con ricotta e scaglie di cioccolato e infine oltre al celebre Passito di Pantelleria, proverete i vini di questo territorio così complesso e unico nella sua biodiversità.

Un piccolo vademecum dei posti imperdibili:

  • Il Lago Specchio di Venere
  • Gadir
  • Arco dell’Elefante
  • Cala Tramontana
  • Sauna Naturale
  • Aree archeologiche di Mursìa e Cimilla
  • Il Castello di Pantelleria
  • Montagna Grande
  • Acropoli di San Marco e Santa Teresa
  • Sesi
  • Balata dei Turchi
  • Porto di Scauri
  • Favare

Lasciatevi portare da questo vento alla scoperta di quest’isola del cuore sorprendente che è Pantalleria.

~ Wine Lovers Tour n.2 – Pantelleria & Marsala (3 giorni & 2 notti) ~

Tre giorni di colorata allegria dove l’aria del mare di Pantelleria e i baci del sole di Marsala creano uno scenario unico per le più esclusive degustazioni dei vini delle cantine siciliane.

Le cantine visitate saranno Coste Ghirlanda, Donnafugata (Pantelleria e Marsala) e Florio con Brunch da Donnafugata a Pantelleria.

photo by Martina Rosselli – vietata la riproduzione non autorizzata

Condividi
FacebookTwitterCopy LinkPrint